Stola n.1
Stola n.1
press to zoom
Stola n.1
Stola n.1
press to zoom
Stola n.1 dettaglio
Stola n.1 dettaglio
press to zoom

Stola n.1

Acrilico, pigmenti e fissativo

16x22,5x1 cm
2021

In quest’opera, l’artista ha analizzato il concetto di matericità, indagandolo attraverso la sperimentazione del colore e la sua spazialità fisica; osservando come la consistenza del colore si manifestasse versandolo puro su un supporto in pvc ed asciugandolo strato dopo strato.

Una volta raggiunta la consistenza e l’intensità cromatica desiderate, prima versando degli strati in acrilico e poi in pigmenti con del fissativo, l’artista ha iniziato a piegare su se stesso il foglio ottenuto ­ come si riporrebbe un stola di tessuto ­ con l’obiettivo di enfatizzare la sua presenza fisica.

L’artista voleva ricercare come la materia si potesse tradurre in sostanza e forma cromatica allo stesso tempo, rendendo il colore un’installazione capace di interagire con lo spazio circostante.

L’obiettivo era quindi quello di togliere il supporto alla pittura, in modo tale da renderla il supporto di sé stessa e osservarne il colore come materia tridimensionale.
La trasmutazione della materia praticata dall’artista in questo contesto fa sempre parte del processo alchemico e, nello specifico, dalla fase del Nigredo, dove il cambiamento non è mai fisso, tutto si trasforma e può essere ancora possibile.

Photos Credits Francesco Piva