BIO

La sua ricerca artistica parte dalla trasmutazione della materia e attraversa una pratica che cerca di raggiungere un luogo in cui la memoria riaffiora a tratti, lasciando delle sensazioni e dei pensieri non chiari, nati dal mescolarsi di frammenti di libri letti e di conversazioni ascoltate. Aspira ad un luogo non luogo, in cui tutto si ferma ed è possibile far vagare la mente verso l'ignoto, l'intimità della contemplazione, il rimando all'altro e contemporaneamente a noi stessi e al nostro intimo.

Normalmente la sua pratica cerca di nascondere questa dimensione di sublimazione alchemica, non facendola trapelare immediatamente, con lo scopo di farla ricercare all’osservatore mediante la contemplazione delle opere. Infatti, l’alchimia antica non aveva come obiettivo quello dell'analisi della materia fine a sé stessa, ma produceva un modo di vivere, forniva delle linee guida per condurre la propria esistenza.

Da parte sua, l'artista cerca di condurre l'osservatore in una sorta di perdita dell'Io, al fine di fargli ritrovare quella dimensione di nulla e di vuoto: una dimensione che riusciamo a malapena ad immaginare. Al tempo stesso cerca di farlo riflettere su alcune tematiche a lei care come, tra le altre, il ricordo, il tempo e la natura/materia.

 

Biografia

Eva Chiara Trevisan (Treviso, 1991).
Compie i suoi studi a Venezia presso l'Accademia di Belle Arti in Arti Visive. Dopo una residenza a Matera (2017) decide di intraprendere un'esperienza all'estero a Pamplona (Spagna) presso il Centro de Arte Contemporanea de Huarte dove per tre mesi porta avanti la sua ricerca artistica basata sulla ricerca dell'Io, del tempo, delle contemplazione e della trasmutazione.
Torna a Venezia vincitrice assegnataria di uno degli atelier presso la Fondazione Bevilacqua la Masa di Venezia per l'anno 2018/2019. Nell'estate 2020 risulta tra in vincitori del bando per la residenza In-Edita a Forte Marghera (VE) a seguito della quale inizia una collaborazione presso Marina Bastianello Gallery, Mestre (VE). 

Da dicembre 2020, insieme a Francesco Piva, lavora presso lo studio Temporaneo, spazio nato dalla collaborazione tra Marina Bastianello Gallery e il museo M9, situato all'interno del Distretto M9 stesso.
Attualmente vive e lavora a Venezia.

Formazione

2017

Diploma di II livello in Decorazione presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia.

2015

Diploma di I livello in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Venezia.

2011

Diploma Superiore al Liceo Artistico di Vicenza.

Esposizioni Personali

 

2021

- La Huella, a cura di Marina Bastianello, Marina Bastianello Gallery, Mestre (VE).

Principali Esposizioni

2021

- Arte al kilo, a cura di Marina Bastianello, Mercato San Michele, Mestre (VE).

2020

- Archipelago Aperto, a cura di Venice Curatorial Courses, Magazzini del Sale, Venezia.

- Beyond The Wall, a cura di Marta Blanchietti ed Eleonora Da Col, Ikona Gallery, Venezia.

2019

- StartStudi per l'Arte, curata da Premio Start, Padova.

- Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee, finalista, a cura di Carlo Sala, Villa Brandolini, Pieve di Soligo (TV).
- Soda, a cura di Alice Bortolazzo, Made in Art Gallery, Venezia.
- Opera Viva, a cura di Amerigo Nutolo, Galleria di San Marco, Bevilacqua la Masa, Venezia.

2018
- Estancias Abiertas, a cura di Nerea de Diego, Centro de Arte Contemporeanea, Huarte (Spagna).
- Premio Nocivelli, finalista, Chiesa della Disciplina, Verolanuova (BS).
 

2017
- Keramos: qui e adesso, a cura di Tatjana Sirk, Mestna Galerija, Pirano (Slovenia).
- Luoghi per sottrazione, a cura di Valerio Vitale, Fondazione Sassi, Matera.
- Sciameproject, a cura di Miriam Montani, collettiva online (in corso).
- Combat Prize, finalista, a cura di Paolo Batoni, Museo Civico Fattori, Livorno.
- La Prova dei Nove, a cura di Angelo Bertani, Mirella Brugerotto e Cristina Treppo, Centro Iniziative Culturali in Pordenone, in partnership con l' Accademia di       Belle Arti di Venezia.
 

2016
- CASUALmente, a cura di Federica Colle, Step by Step, Centro Universitario Palazzo Zabarella, Padova.

Premi e Concorsi

 

2019
- Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee, finalista, a cura di Carlo Sala, Villa Brandolini, Pieve di Soligo (TV).
- StartStudi per l'Arte, finalista e menzione spaciale, a cura del Premio Start, Padova.

 

2018

- Premio Nocivelli, finalista, Chiesa della Disciplina, Verolanuova (BS).
 

2017
- Combat Prize, finalista, a cura di Paolo Batoni, Museo Civico Fattori, Livorno.

Residenze Artistiche

 

2020

- IN-Edita, a cura di Venice Galleries View, Forte Marghera, Venezia (VE).

2018-­2019
- Fondazione Bevilacqua la Masa a Venezia.
- Progetto Borca di Dolomiti Contemporanee a cura di Gianluca D'Inca Levis. 

 

2018
- Centro de Arte Contemporanea Huarte (Spagna) "Estancia" a cura di Nerea de Diego.

 

2017

- Presso Fondazione Sassi a Matera “Luoghi per Sottrazione” a cura di Valerio Vitale.

Workshop

2016
- Workshop di pittura e disegno Atelier F: laboratorio aperto, a cura di Carlo di Raco, Martino Scavezzon e Miriam Pertegato, preso il capannone 35 di Forte Marghera (Venezia).

 

2015

- Collaborazione all’allestimento dell’installazione dell’artista Mahama Ibrahim presso la 56° Esposizione Internazionale d’ Arte di Venezia.

 

Pubblicazioni

 

2019
- Catalogo, Premio Francesco Fabbri per le Arti Contemporanee, Edizioni Francesco Fabbri, Pieve di Soligo (TV)
- Catalogo, StArt_Studi per l'Arte, Padova
- Catalogo, Opera Viva, Grafiche Veneziane, Venezia
 

2018
- Catalogo, Premio Nocivelli, Cierre Gruppo Editoriale, Brescia.
- Catalogo, Combat Prize, sezione Artisti segnalati, Sillabe, Livorno.

 

2017

- Exibart, Luoghi per sottrazione, di Carmelo Cipriani http://www.exibart.com/notizia.asp?IDNotizia=54486&IDCategoria=45

- Catalogo, Keramos qui e adesso, Gallerie Costiere Pirano, Pirano (Slovenia).

- Catalogo, Combat Prize, Sibille, Livorno.

- Catalogo, La Prova dei Nove, Sartori srl, Pordenone.